Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Chi paga i debiti del condominio?

Con la sentenza n. 12715 del 14 maggio 2019, la terza sezione civile della Cassazione ha specificato che nel caso in cui l’amministratore non paghi i fornitori, i condomini rischiano non solo il pignoramento dei propri beni, ma anche della quota di spese comuni dovuta al condominio sulla base dei riparti approvati dall’assemblea. Per il recupero di quanto dovuto, dunque, i creditori del condominio hanno la possibilità di intraprendere una nuova strada nel caso in cui il conto corrente condominiale non sia capiente. Cambia quindi qualcosa rispetto a quanto previsto dalla riforma del condominio del 2012. Nello specifico, con la riforma del condominio, da un lato il legislatore ha obbligato l’amministratore a fornire ai creditori che lo richiedano i dati personali dei condomini in mora nel versamento delle spese condominiali, dall’altro ha previsto che il credito vada recuperato in primis nei confronti di questi ultimi e solo in via subordinata verso tutti gli altri comproprietari. Sull…

Ultimi post

Nuovo Euribor entro il 2019: cosa cambia per i tassi dei mutui

Chi paga IMU e TASI in caso di coniugi separati?

Manovra, mutuo casa più caro per i tagli alle detrazioni sugli interessi

Patto di retrovendita e patto commissorio: è legale la casa al creditore fino al saldo del debito?

BUON 2018!!!

Cancellazione ipoteca sulla casa, a chi spetta

Deposito prezzo dal notaio, come funziona

Verifica agevolazioni prima casa: il fisco potrà entrare nel tuo immobile per accertare che risponda ai requisiti

Trascrizione contratto preliminare, la responsabilità del notaio.

Spese condominiali e separazione coniugi, il pagamento è a carico del coniuge anche se non più residente